…In quell’impero, l’Arte della Cartografia raggiunse tale Perfezione che la mappa d’una sola Provincia oc­cupava tutta una Città, e la mappa dell’impero, tutta una Provincia. Col tempo, codeste Mappe Smisurate non soddisfecero e i Collegi dei Cartografi eressero una Mappa dell’Impero, che uguagliava in grandezza l’Impero e coincideva puntualmente con esso. Meno Dedite allo Studio della Cartografia, le Generazioni Successive compresero che quella vasta Mappa era Inutile e non senza Empietà la abbandonarono alle Incle­menze del Sole e degl’inverni. Nei deserti dell’Ovest rimangono lacere Rovine della Mappa, abitate da Ani­mali e Mendichi; in tutto il Paese non è altra reliquia delle Discipline Geografiche.

Suàrez Miranda, Viaggi di uomini pruden­ti, libro quarto, cap. XLV, Lérida, 1658.

Citato in Borges, Museo, Tutte le opere, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1984, trad.di Domenico Porzio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.