Quando si parte per un viaggio attraverso i mari, le lande più o meno desolate e i secoli, occorre per prima cosa fare una Lista. Per non dimenticare niente, ma soprattutto per arginare l’Ignoto. È ovvio.
A noi cosa serve? Niente valigie, niente telefono, niente, spazzolino, niente soldi (amate le biblioteche finché esistono)… E quindi?
Naturalmente ci serve un libro!
Iniziare con un libro su una lista… non poteva essere più calzante di così: La Vertigine della Lista, di Umberto Eco.
Un elenco di elenchi. Un tripudio di elementi in fila, in colonna… La storia enciclopedica della Lista, a cui viene restituita tutta la sua dignità e la sua funzione. Per ossessivo-compulsivi come noi. E se poi non volete leggere le liste ci sono le figure, e che figure. Delle Figure-Liste. Dei Quadri-Elenco.Spuntateli uno per uno. Vi consigliamo l’uso di una lente di ingrandimento.

Ma perché amiamo così tanto le liste? Perché ci gratificano, ci fanno sentire sicuri. Perché abbiamo una soglia di attenzione ridicola. Perché hanno a che fare con l’immortalità.

Ce lo spiega Esquire.

Biblio:

Eco, U. (2009). La vertigine della lista. Bompiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.